viaggiare in usa kansas city / kansas
esta stati uniti

viaggiare in usa kansas city / kansas

Esta America | visto Americano: autorizzazione al viaggio

Visa Esta Stati Uniti d’America

I cittadini italiani devono per forza avere un passaporto soggettivo che abbia valenza (anche i minori e bambini appena nati). L’Italia è tra i Paesi che hanno acconsentito al programma di dispensa dal visto (Visa Waiver Program) che autorizza l’accesso o lo scalo negli Stati Uniti d’America per soggiorni non superiori a 90 giorni per vacanze o lavoro.

E necessario tuttavia che il passaporto abbia tali requisiti: Passaporto a lettura ottica conferito o prorogato prima del 26 ottobre 2005 Passaporto a lettura ottica dotato di “foto digitale” conferito fra il 26 ottobre 2005 e il 26 ottobre 2006 Passaporto elettronico conferito dal 26 ottobre 2006 in poi. Negli altri casi dovete provvedere alla domanda di un visto all’ambasciata o il consolato USA competente per area. Ricordate che il procedimento di istanza per il visto è un po’ complesso, per questo dovrete preoccuparvi ad averlo molto tempo prima della data dell’imbarco.

Dal giorno 12 gennaio 2009 chi proviene da uno dei Paesi aderenti al programma di dispensa dal visto (tra cui l’Italia) e che vuole andare o transitare negli Stati Uniti deve domandare una licenza di viaggio (ESTA – Electronic System for Travel Authorization) quantomeno 72 ore prima di recarsi sull’aereo o la nave che vanno verso gli USA. La pratica, agevole e per nulla lenta, è definita sul sito ufficiale dell’ambasciata Usa. Quando è stato concesso il permesso ha una validità di due anni o fino al giorno di scadenza del passaporto se esso decade prima dei due anni dalla data del permesso. Sarà poi chiesto in fase di check-in aeroporto per potersi imbarcare.

Si chiede dunque ai visitatori di custodirne sempre un duplicato durante ogni soggiorno con meta o passaggio negli Stati Uniti. In più è consigliabile rinnovarlo sempre prima di ogni altro soggiorno negli Usa tramite il numero di iscrizione conferito dal sito web Esta. Sappiate che in alcuni Paesi esistono siti internet che si fanno pagare per dare indicazioni sull’Esta ma che non sono per nulla autorizzati dal Dipartimento di Sicurezza Nazionale. Dal giorno 8 settembre 2010 gli enti statunitensi pretenderanno dai soggetti con residenza nei Paesi firmatari del Visa Waiwer Program (VWP) il pagamento di $ 14,00 per ognuno in fase di istanza della licenza ESTA. Dovrete pagare con carta di credito (MasterCard, VISA, American Express e Discover) nell’attimo in cui redigete la scheda telematica.

Le licenze ESTA ammesse prima del giorno 8 settembre 2010 hanno valenza fino al giorno della propria scadenza e la loro modificazione non si paga. Invece, in fase di aggiornamento del passaporto, i soggetti dovranno immatricolarsi di nuovo al sistema ESTA. Tenete a mente che dal giorno 30 settembre 2004 sono valide le prescrizioni attinenti al conseguimento da parte degli organi USA dei dati biometrici (impronte digitali e fotografie digitali) dei turisti che giungono da Paesi con la dispensa dal visto d’accesso. Tenete a mente poi che se farete solo scalo in USA, il vostro bagaglio dovrà essere riscosso alla prima tappa di destinazione e pertanto, dopo essere stata soggetta a controlli dagli enti preposti a ciò, “un’altra volta spedito a bordo” nei banchi preposti alla spedizione verso la destinazione conclusiva del viaggio. Avvertenze SUI BAGAGLI.

La Tsa (Transportation security administration) è l’ente statunitense del Department of homeland security (vale a dire il Dipartimento della sicurezza nazionale) preposto alla sicurezza dei trasporti (aerei, via mare su strada e trasporto ferroviario). Tra le primarie mansioni vi è l’esame delle borse per cui è stato fatto il check-in dei soggetti che da altri Paesi sbarcano in un sito aeroportuale degli Stati Uniti o che devono salire su voli nazionali. Se gli agenti dell’organo appurano che qualcosa non va in una borsa chiusa con una combinazione o con sopra apposto un semplice lucchetto, provvederanno a scardinare il lucchetto o la combinazione e a sfasciare la borsa per vedere cosa c’è dentro.

Tutto ciò che avrete sarà una borsa sfasciata o una ventiquattrore accomodata forse con il nastro collante. Affinché questo non si verifichi, i soggetti che viaggiano verso gli Stati Uniti possono agire in due modi. Innanzitutto possono non chiudere la borsa e assentire all’eventualità che qualche criminale possa rubarvi dentro (condizione tra l’altro per cui non provvede l’assicurazione contro le rapine che di regola offrono tutela contro i furti avvenuti con la rottura di una borsa chiusa con una combinazione o un lucchetto). Il secondo modo, non necessario ma adeguato, è di apporre sulla valigia un lucchetto Tsa. E’ un lucchetto utile alle esigenze dell'agenzia ed equivale a un lucchetto qualunque.

Può nondimeno essere schiuso da una chiave -passpartout in dotazione a tutti gli agenti della Tsa che con tale chiave possono dischiudere i bagagli dubbi e "chiusi" senza doverli per forza rovinare. I lucchetti Tsa sono pertanto adeguati per chi intende recarsi negli Stati Uniti. Sono fabbricati dalle più famose ditte di merci di valigeria come Bric's, Delsey, Design Go, Piquadro, Roncato e Samsonite e potete comprarli come merce a parte o come parte costitutiva della vostra borsa di viaggio. Se comprati da soli, il loro prezzo va dai 5 ai 29 euro (come la Cintura Tsa Tripla Combinazione di Samsonite).

In caso contrario il prezzo della borsa é molto elevato, ossia oscilla tra i 90 e i 150 euro (per esempio la «borsa rigida Abs nera 4 ruote rigida Tsa» ha un prezzo di 134 euro). Potete acquistare i lucchetti di tipo Tsa nei punti shopping di pelletteria (anche quelli presenti negli ipermercati degli aeroporti) o in molti punti shopping via web come D-Mail, PixMania o DigiShop. MONETA . Il dollaro U.S.A. si divide in 100 cents. Le cartemonete si dividono in questa maniera: 1 cent (penny), 5 cents (nickel), 10 cents (dime) e 25 cents (quarter).

Le banconote sono tutte di colore verde, hanno la stessa dimensione e sono disponibili in pezzi da 1, 5, 10, 20, 50, 100 dollari. PATENTE. Per portare l’auto o la roulotte in USA basta avere la patente italiana di tipo B o C. in generale però, in circostanze di incidente o trasgressioni delle disposizioni del codice stradale é meglio avere la Patente internazionale in quanto sarà subito riconosciuta dagli operatori di Polizia, mentre una patente straniera con dati scritti in una lingua che non conoscono necessita di verifiche, con una forte perdita di tempo. PASTI. Occorre qui smentire l’opinione comune, secondo cui negli Stati Uniti non c’é cibo buono! Di regola i pasti sono tre al giorno.